Dove l’aria e l’acqua si incontrano – Tra l’aria e la superficie liquida troviamo la cosiddetta “fascia di transizione”, ovvero il punto d’incontro tra il mondo sommerso e ciò che si muove fuori dall’acqua. Qui la tensione superficiale presente tra acqua e aria viene utilizzata dalle forme di vita ora galleggianti ora parzialmente sommerse. In molti casi la sopravvivenza è assicurata da un rapporto costante tra quanto sta sotto il pelo dell’acqua e l’aria: le immagini della ranatra, del girino e delle zanzare che respirano a pelo d’acqua sono significative. In altri casi (vedi foto della biscia) la superficie liquida è invece utilizzata per rapidi spostamenti…

Insetti, stagno (Tavola di Gianbattista Bertelli)

Insetti, nello stagno (Tavola di Gianbattista Bertelli)

A lato – La  tavola – di Gianbattista Bertelli  – illustra  i principali Rincoti che frequentano gli stagni.  Osservabili tra la superficie dell’acqua e le piante che popolano le acque  tranquille  possiamo notare: A > Gerride – B > Hidrometra stagnorum – C e D > Notoneta glauca – E > Nepa cinerea -   F > Ranatra linearis.

L’autore, nella didascalia della tavola spiega che si tratta di Insetti che possono muoversi sull’acqua sfruttandone la tensione superficiale; “[...] altre specie che vivono nell’elemento liquido respirano attraverso  un lungo sifone respiratorio il cui apice viene portato a pelo dell’acqua” -   Vedi, ad esempio, la Ranatra linearis (F). 

Tra acqua e aria - Siamo in presenza di un mondo parzialmente sommerso popolato da animali che possono muoversi tra l’elemento liquido e la terraferma: gli Insetti  rappresentati nella tavola  a lato, ad esempio, sono dotati di ali  che permettono loro di abbandonare l’elemento liquido per cercare nuovi specchi d’acqua da colonizzare…  

 Piante e animali

Foto in basso- A sinistra: un gerride. Seguono un girino di raganella, due ranocchie sulla ninfea galleggiante (si tratta di una varietà coltivata) e una biscia d’acqua.

L’insetto (il gerride)  “scivola” silenziosamente sulla superficie dell’acqua; sull’apparato boccale del girino si nota invece una bolla d’aria. La ninfea, ancorata al fondo con le proprie radici, fiorisce tra le foglie galleggianti e fornisce una valida piattaforma alle ranocchie appena metamorfosate. La biscia “scivola” sulla superficie dopo aver cercato, sul fondo dello stagno,  le prede di cui si nutre.

Piante e animali a pelo d'acqua

A pelo d’acqua (Foto: Franco Gray)

Larve di zanzara: notare il sottile sifone che "buca" la superfice dell'acqua per raggiungere l'elemento gassoso.  (Franco Gray)

Larve di zanzara: notare il sottile sifone che, alla ricerca di ossigeno atmosferico, “buca” la superfice dell’acqua (Foto: Franco Gray)

Ninfee in fiore (Foto: Franco Gray)

Ninfee (Foto: Franco Gray)

Bocciolo emergente: una base per la damigella (Foto: Franco Gray)

Bocciolo emergente: una base per la damigella (Foto: Franco Gray)

Ninfee – Le ninfee: piante specializzate a vivere  tra acqua e aria, coltivate per la loro bellezza. Se ne conoscono malte varietà e nei laghetti in genere sono poste a dimora in grandi vasi posati sul fondo generalmente in primavera. Da lì i fusti cresceranno rapidamente mostrando grandi foglie galleggianti e fiori di parecchie tonalità.

La ninfea bianca (Nimphaea alba) è catalogata tra le piante idrofite radicanti:  in effetti mostra i rizomi affondati nel fondo degli specchi d’acqua a lento scorrimento in cui vive. Altre piante legate all’acqua sono definite natanti perché libere di muoversi in superficie:  le loro radici pendono infatti dalle foglie galleggianti e cercano le sostanze nutritive direttamente nell’acqua.

In Valsesia alcune ninfee bianche presenti nel lago di Sant’Agostino (Valsesia, tra Quarona  e Roccapietra) cambiano spesso di posizione. Un paio di piante (introdotte artificialmente) si sono moltiplicate e ora troviamo raggruppamenti di ninfee che – spinte dal vento e dalla debole corrente – seguono il mutevole livello dell’invaso. 

 

Fotocomposizione sotto – Lago di Sant’Agostino: in primo piano, tra le piante a pelo d’acqua,  gruppi di ninfee bianche.  Sullo sfondo e nell’inserto circolare:  tappeti di  Nymphoides peltata

Fine estate al lago di Sant'Agostino con Ninfea bianca e Nymphoides peltata  (Fotoelab. Franco Gray)

Fine estate al lago di Sant’Agostino (Fotoelab. Franco Gray)

      Il Lago di Sant’Agostino – noto soprattutto per la riproduzione dei rospi  – può essere considerato un laboratorio a cielo aperto. Il luogo, ricco di storia, già raccontato in vari modi da autori diversi  e in epoche diverse, è diventato un Sito di Interesse Comunitario. L’ambiente è stato illustrato in altri articoli.

Vai a

Vespa a caccia a fior d'acqua - Sulle pianta sommersa uova di raganella  (Foto Franco Gray)

Vespa a caccia a fior d’acqua (Foto Franco Gray)

La riproduzione dei rospi

Sant’Agostino: un lago, un libro

Altri articoli sul lago di Roccapietra e sulle forme di vita che vivono, si sviluppano, si riproducono e predano tra terra e  acqua  sono in corso d’opera.  

   Foto a lato - Una vespa che preda in superficie. Appena sotto il confine tra aria  e acqua una raganella ha deposto le uova attaccandole allo stelo di una pianta acquatica. La vespa cerca di ghermire i primi girini che ne escono o almeno le larve acquatiche che si aggirano intorno alle mucillaggini in cerca di cibo. La superficie dell’acqua brulica di forme di vita che, mentre  la “bucano”, mettono in comunicazione il mondo sommerso con quello che ne emerge.

Bibliografia

Flora della  Valsesia, Mario Soster – Blu Edizioni, 2008

La flora acquatica, Consorzio Piemontese acque del Ticino – S.d.

 Nota – Per la pubblicazione delle immagini questo sito chiede sempre l’autorizzazione agli autori. La pubblicazione della tavola del fu Gianbattista Bertelli è stata autorizzata dal figlio Aldo. Un ringraziamento a quanti forniscono la loro collaborazione.  Fonte delle illustrazioni – Tavola di Gianbattista Bertelli – Foto Ilario Zuccolo, Franco Gray

Foto in basso – La tensione superficiale fornisce una effimera base d’appoggio: nella foto sotto (di Ilario Zuccolo) Berta minore che si alza in volo.

Berta minore che sfrutta la tensione superficiale dell'acqua per alzarsi in volo (Foto: Ilario Zuccolo)

Berta minore che sfrutta la tensione superficiale dell’acqua per alzarsi in volo (Foto: Ilario Zuccolo)

Vai a Galleria fotografica

Franco Gray (All’anagrafe: Franco Bertola) 

FOGLIA 100-x-75

Avvertenza -  Sono gradite le condivisioni, ma tutto il materiale pubblicato  in questo sito resta  proprietà degli  autori e non potrà essere utilizzato da terze persone senza la loro esplicita autorizzazione. Le eventuali citazioni dovranno contenere la fonte con il titolo del sito.