Il lupo: uno degli animali più amati e più odiati. Perché?

Processione

Alpe di Mera. Nella chiesetta è conservato un dipinto che ricorda  una processione per intercedere contro i danni provocati dai lupi.

Scrive Gianfranco Fasanino su “Nuova Agricoltura” del settembre 2012:

“… sarebbe bello se il lupo fosse un animale spazzino che preda soltanto le bestie vecchie e malate, i caprioli e i camosci ormai stanchi di vivere. Invece il lupo è furbo e intelligente [...] e la pecora, animale domestico, è più facile da catturare.”

Tanto l’interessante articolo che l’argomento meritano di essere approfonditi.

Lupo

Lupo nel Parco Nazionale d’Abruzzo  – (Da una vecchia foto su pellicola)

 Una nota sulla foto del Lupo: è vecchia quasi quanto la storia della fotografia. Per realizzarla (nel P.N. d’Abruzzo) utilizzai un pesantissimo  obiettivo catadiottrico da 1000 mm  montato su un cavalletto che sembrava la base di un cannone. Altri tempi, storie da archeologia naturalistica…

       Seguo l’argomento “Lupi” da qualche anno, spesso in altalena tra le istanze dei naturalisti e le giuste preoccupazioni degli allevatori. Il lupo – su tutto l’arco alpino cacciato fino alla sua scomparsa – sta lentamente ripopolando le montagne,  e la sua presenza provoca reazioni che oscillano tra l’amore e l’odio. L’importante è che se ne parli… nessuno ha il monopolio della ragione e della verità. E intanto il Lupo si legittima da solo: silenzioso e astuto ogni anno conquista nuovi territori…

Lupi italiani e lupi d’Oltralpe

Lupo appenninico

Lupo nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Foto: Pietro Santucci)

Questa pagina è solo un abbozzo: sono graditi contributi in merito.

Pagina in costruzione -Il sito chiede sempre ai vari autori il permesso di utilizzare le loro foto o i loro testi. Tutto il materiale pubblicato  resta  proprietà degli  autori e non potrà essere utilizzato senza la loro esplicita autorizzazione.