Facebook
Profilo altura - Pietra Croana

Il profilo della Pietra Croana in inverno, dopo il tramonto.
L’altura è vista dal ponte sulla Sesia che da Grignasco raggiunge il territorio di Serravalle Sesia mettendo in comunicazione le province di Novara e di Vercelli.

 

Serravalle Sesia è ubicato in provincia di Vercelli, nella Bassa Valsesia. Il Comune  comprende le località Vintebbio, Bornate e Piane.  Piane è circondata da grumi di case, i cosiddetti “cantoni”, popolate da un esiguo numero di abitanti. La frazione Quazzo è posizionata sui fianchi della collina che porta alla Pietra Croana, la località nota per la sua palestra di roccia, per l’ambiente naturale che la caratterizza  e per la leggenda del Badich…

La Pietra Croana e le sue leggende

Punto di riferimento. Zona del Ponte Nuovo che unisce la provincia di Novara a quella di Vercelli

Il tragitto per raggiungere la Pietra Croana inizia a Serravalle Sesia, alla rotonda che immette alla statale 299 del ponte per Grignasco, caratterizzata da una molazza proveniente dalla cartiera del capoluogo. La fabbrica non produce più carta dal 1982 ma l’antica macina è diventata punto di riferimento per raggiungere il centro di Piane Sesia e, successivamente, la Frazione Quazzo. Da lì, si arriva al massiccio di roccia vulcanica che, un tempo rifugio del mitico Badich, è ora diventato il regno  delle poiane e di altri piccoli uccelli rapaci…

Veduta

La frazione Quazzo di Piane Sesia vista dal segnavia 704. Sullo sfondo, il ponte sulla Sesia che unisce le province di Vercelli e di Novara.

Pista e, sullo sfondo, il massiccio vulcanico della Pietra Croana

Segnavia 704, in primo piano la pista. Nella seconda immagine, la Pietra Croana come appare in inverno percorrendo il tracciato che porta alla base del blocco di roccia vulcanica.

Segnavia 704. Sullo sfondo il Monte Fenera.

Il tracciato si snoda tra terreni un tempo coltivati ed ora per lo più abbandonati al  loro destino: se a sinistra si notano le roverelle, a destra la presenza di conifere trapiantate racconta la storia di un territorio un tempo coltivato a vite. Sullo sfondo, il Monte Fenera.

Sentiero

Dalla comoda pista tagliafuoco, per arrivare al capanno CAI che sorge alla base della parte rocciosa occorre risalire questo ripido sentiero. In alternativa, esiste uno stretto tracciato recentemente adattato per le motocarriole.

 Passo dietro passo, dopo una ventina di minuti di cammino si raggiunge la base del massiccio vulcanico della Pietra  Croana, ovvero il luogo in cui sorge il capanno del CAI di Novara e il punto di partenza di quanti vogliono utilizzare la palestra di arrampicata.  Il paesaggio è ora  caratterizzato dalle pareti quasi nude del massiccio di vulcanite e dagli sfasciumi di roccia colonizzati da arbusti, ginestre  e  roverelle. I  boschi mostrano i segni lasciati dagli incendi degli anni dell’abbandono e i castagni sono danneggiati dai parassiti: tronchi e rami rivelano gli attacchi del cancro della corteccia e, anche in inverno, le foglie secche rimaste sui rami indicano la presenza massiccia del Cinipede galligeno. Qua e là si notano però i segni della presenza di mammiferi di grossa taglia e, dalla cima,  di tanto in tanto si ode lo stridio acuto delle poiane.

Il luogo appare interessante non solo come palestra di roccia, ma anche per la flora e la fauna che lo popolano.

La parete  della Croana come appare dal  segnavia 704, noto anche come "Sentiero della Brenta".

Le ripide pareti della Pietra Croana. Il massiccio di vulcanite compatta raggiunge i 699 metri di altitudine.

 La leggenda del Badich

Pagina 689, Leggenda del Badich

Da “Storia del Comune di Serravalle Sesia”, di don Florindo Piolo (s.d.). Lettura n° 98, pag. 689.

 

Stando alla leggenda, il Badich si rintanò sulla Pietra Croana in un’epoca indefinita, quando in zona ancora non vi erano altri rifugi. Fu forse un disertore delle armate spagnole, o un individuo che aveva comunque dei conti in sospeso con la giustizia.

Disegno del Badich,  di Edoardo Campagnolo

Il Badich, così come immaginato in un disegno di Edoardo Campagnolo. Il mitico personaggio fu forse un disertore?

Le leggende  raccontano di lui in modi diversi: stando a quanto si legge  in “Storia del Comune di Serravalle Sesia”,  il Badich era un ricercato che si era stabilito in un antro a circa trenta metri dalla cima.  Quel suo rifugio, scavato nella roccia viva, un tempo poteva essere raggiunto soltanto “calandosi dall’alto per una anfrattuosità pericolosa”.  La località era considerata sicura perché quasi inaccessible e, allo stesso tempo,  offriva qualche conforto: stando a quanto si narra nel testo citato, proprio davanti alla grotta vi era uno spiazzo baciato dal sole in cui “il solitario si sedeva in contemplazione”. Nei paraggi, un ruscello alimentava la conca d’acqua pura e, all’interno del suo rifugio,  il Badich poteva disporre di una specie di giaciglio naturale.

Nonostante la presenza di acqua fresca, il Badich  non disdegnava il buon vino: nottetempo lasciava infatti quel suo sicuro riparo e scendeva guardingo fino alla frazione Quazzo, dove la gente gli offriva da bere. La versione ufficiale racconta che un brutto giorno il poveretto si ubriacò e finì in fondo ad un burrone, ma forse le cose non andarono così…

L’evoluzione della leggenda  del Badich

Le storie non sono mai raccontate allo stesso modo. Secondo altri autori infatti  il Badich era una persona saggia e accorta che esercitava sulle ragazze del luogo un fascino irresistibile. Ingelositi dalle sue prodezze amorose, alcuni giovani pensarono di regalargli una botte di ottimo vino, in modo da farlo ubriacare: in questo modo il rubacuori sarebbe certamente precipitato nel burrone sottostante il suo rifugio e avrebbe tolto il disturbo. Con fatica notevole, un giorno la botte fu trascinata fino alla sommità dell’altura, presso  il sentiero che porta alla grotta. Le cose, però, non andarono come i baldi giovani speravano  perché il saggio Badich, sin dal primo sorso di vino, pronunciò un adagio rimasto celebre: “Il buon brodo…bisogna berlo con buon modo”. Detto e fatto raggiunse il suo antro, si procurò delle fiasche, ritornò alla botte  e cominciò a travasarvi il contenuto. Il buon  vino non fu dunque tracannato sul posto ma destinato all’invecchiamento: “… una cosa saggia, che non tutti fanno”, concludevano gli affabulatori più esperti mentre alzavano ancora una volta il  bicchiere. E fu così che, grazie alla saggezza dimostrata, il fuggitivo continuò a vivere indisturbato nel suo rifugio. 

Il ricordo del Badich è sopravvissuto al tempo. Le sue mitizzate vicende sono arrivate ai nostri giorni nelle forme più svariate e il personaggio è diventato la maschera carnevalesca della Frazione Piane.

(Rid e adatt. da  Serravalle Sesia tra modernità e tradizione)

Inizio sentiero del Badich

L’inizio del percorso che porta alla “Tana del Badich”

Il sentiero del Badich

Subito dopo il capanno del CAI, il ripido percorso che porta verso la vetta incontra la deviazione per il “Sentiero di Ho Chi Minh”. Da lì si procede lungo un tratto  ben più agevole fino ad incontrare, poco più avanti,  la “Tana del Badich”.

Il tracciato  che raggiunge l’antro del mitico personaggio non è particolarmente difficile perché nei punti pericolosi  sulla parete di roccia sono state fissate funi d’acciaio: aiutano a non perdere l’equilibrio e a superare facilmente i gradoni più alti. Chi soffrisse di vertigini nei pressi degli strapiombi dovrebbe tuttavia assicurarsi ai cavi che fiancheggiano alcuni dei punti più problematici.

L’ apertura   di cui narra la leggenda si trova  su uno strapiombo a pochi metri dalla vetta, proprio nel punto in cui il tracciato prima si stringe e poi si interrompe. Davanti alla cavità, aggrappati ai bordi del dirupo, alcuni arbusti sembrano volerne celare l’ingresso.

Il Sentiero del Badich offre panorami incantevoli…

Fotocomposizione con parte di vulcanite e, sullo sfondo, la località Sella di Piane Sesia.

Il panorama visto dalle  pareti che attorniano il sentiero per la tana del Badich. Sulla destra la località Sella, uno dei “cantoni” di Piane Sesia.

Il precorso per l'antro del Badich

Lungo il sentiero che porta alla tana del Badich. Tra la scarsa vegetazione abbarbicata alle rocce si notano roverelle, ginestre, brugo, ornielli. Raro in zona, si è trovato anche un cespuglio di pungitopo. Il percorso qui descritto è stato fotografato il 16 dicembre del 2012.

aspetti del tracciato per la tana del Badich.

Un tratto del sentiero incassato tra le pareti di roccia e, a poche decine di metri dalla tana del Badich,  una vigorosa roverella. L’albero cresce abbarbicato tra la parete verticale e uno strapiombo.

 

Arrivati alla fine del Sentiero del Badich e incontrata la mitica grotta ci si accorge di quanto fervore sia capace la fantasia. Il covo del fuggitivo è infatti una sorta di riparo sotto roccia  di dimensioni ridotte. Un tempo il piano di calpestio sarà stato forse più ampio ma… attualmente una persona riesce a rannicchiarvisi a malapena. Eppure la tana del Badich è stata spesso descritta come una confortevole spelonca…

La tana del Badich

La parte di fondo dell’antro in cui, stando a una ben consolidata leggenda,  trovava rifugio il mitico Badich. L’Uomo Selvatico è protagonista di tante leggende ancora da raccontare…

 

 Testo e foto di Franco Bertola. Disegno di Edoardo Campagnolo

La località Pietra Croana ha fornito spunti interessanti anche per la flora e la fauna che la caratterizzano: con l’arrivo della primavera, le pareti di roccia rivivono, pertanto si sta raccogliendo materiale relativo alle piante e agli animali che le popolano. 

Per quanto riguarda  altri percorsi che raggiungono la Pietra Croana consultare

 

 Da Gattinara alla Pietra Croana: i sentieri di fra’ Dolcino