Pagina in costruzione

 

Suolo. sottosuolo, forme di vita tra terreno e radici

Il suolo: un luogo di incontro tra mondo inanimato ed esseri viventi… (Fotocomposizione: Franco Gray)

 

Il suolo pullula di forme di vita. Vi troviamo gli organismi che hanno il compito di aggredire le sostanze organiche e di trasformale nuovamente in acqua e sali minerali che permetteranno alle piante di crescere: i resti del pasto degli animali, le loro deiezioni, le stesse parti morte delle piante diventeranno dunque una nuova risorsa. Ma la vita va ben oltre il sottile strato di suolo in cui le piante affondano le loro radici…

Grillo nero davanti alla tana

Grillo campestre all’imboccatura della tana  (Foto: Marco Esposito)

Il grillo campestre: una vita tra lo strato inferiore e superiore del suolo.  I grilli neri (Gryllus gryllus)  possiedono abbozzi di ali, ma non volano e nel corso della loro storia evolutiva si sono adattati a vivere tra l’erba e i cunicoli. Escono all’aperto in cerca di cibo (vegetali, insetti…) soprattutto sul calar della sera, quando si può udire il canto melodioso del maschio che – dalla primavera agli inizi dell’estate – cerca di attirare  le femmine. La tana può spingersi nel suolo per una profondità di oltre  trenta centimetri, ed è riconoscibile per il piccolo spiazzo ben pulito che ne caratterizza l’ingresso.

In viaggio tra suolo e sottosuolo

Suolo

Strato superficiale del suolo - Illustrazione di Giambattista Bertelli

 

Il suolo è in genere catalogato in orizzonti che vanno dalla lettiera di superficie alla roccia madre. Nei primi orizzonti troviamo radici, ife fungine, batteri e una miriade di forme di vita che si aggirano nella lettiera formata dai resti dei vegetali e degli animali. Lì i batteri, i funghi e la microfauna provvedono alla decomposizione delle sostanze organiche e alla formazione dell’humus: il prezioso composto è ricco di acqua e di sostanze nutritive che permetteranno lo sviluppo delle piante. Più in basso le radici si insinueranno tra pietre, strati di terra e altri composti minerali: gli alberi sviluppano infatti radici che si diramano negli strati superficiali del suolo e radici che si spingono verso gli strati più profondi.   L’ultimo orizzonte – quello delle rocce –  è compatto e ormai privo di vita: lasciato il suolo vero e proprio, siamo arrivati ormai nel sottosuolo.

 

 

 

L’illustrazione di Giambattista Bertelli porta a quanto avviene a livello del suolo. Lo strato superficiale mostra piantine di timo in fiore che attirano le farfalle: tra le radici e il pietrisco superficiale le formiche che utilizzano i resti organici le per nutrire le proprie larve rendono l’dea delle forme di vita che pullulano nei primi orizzonti di terra fertile…

 

 

 

 

Un sottile confine

Tra la luce del sole e  il buio dei cunicoli

Luce che si insinua nei cunicoli di una vecchia miniera abbandonata

Dall’interno di una vecchia miniera. La luce del sole che arriva poco oltre la soglia permette la vita delle piante adatte alla penombra, ma nei cunicoli la vita continua…  (Foto: Franco Gray)

 

Fauna troglobia e fauna troglofila

Il buio dei cunicoli offre rifugio e protezione a parecchi animali. Alcune specie non abbandonano mai il buio del sottosuolo: vi nascono, vi si riproducono  e sono pertanto definiti “fauna troglobia”. Sono invece definiti “fauna troglofila” quegli organismi che si rifugiano nel buio delle cavità solo in alcuni periodi della loro esistenza.

Salamandra in una grotta

Salamandra nel fresco di una grotta (Foto: Simone Giachiello)

Fauna Troglofila – La fauna troglofila è ben rappresentata dalla salamandra della foto a lato: in questo caso possiamo parlare di una specie troglofila perché questi anfibi non vivono abitualmente nel buio delle grotte.

Le salamandre frequentano le cavità alla base degli alberi, i cunicoli e gli anfratti solo per sfuggire al secco e al freddo. Per il resto conducono un vita abbastanza riservata nel sottobosco umido, ma in caso di tempo umido o pioggia diventano attive ed escono allo scoperto.  Le troviamo inoltre presso le sorgenti e nei ruscelli puliti quando fanno ritorno all’acqua per la riproduzione.  

 

FOGLIA 100-x-75

Articolo in costruzione: vi si raccolgono informazioni sulle forme di vita che popolano il suolo e che si spingono fin nella profondità delle caverne, o delle vecchie miniere abbandonate.